Embrace, il dispositivo indossabile

Embrace è un dispositivo medico tutto italiano che, accompagnato da un’app dedicata, monitora gli attacchi epilettici.

Scritto Martedì, da Emanuele Mortarotti

Bentornati sul sito di Dispotech, your disposable excellence. L’ appuntamento con la news di questa settimana è interessante e vale la pena di essere approfondito. Oggi vi parliamo di Embrace, un dispositivo medico indossabile che è capace di monitorare i pazienti epilettici durante una crisi.

In vendita da diversi anni, solo poche settimane fa ha ricevuto finalmente il riconoscimento dalla FDA (Food and Drug Administration, l’ ente governativo USA che si occupa della regolamentazione e dell’immissione sul mercato di alimenti e farmaci) come dispositivo medico a tutti gli effetti. È la prima volta, inoltre, che uno smartwatch è riconosciuto come efficace nel campo della neurologia.

Nel 2014, un ragazzo italiano, Matteo Lai, insieme a due amici fonda Empatica, startup interessata ad ideare dispositivi che aiutano i pazienti con disturbi gravi, come l’epilessia. L’idea ambiziosa dei tre ragazzi del Politecnico di Milano conquista il MIT di Boston, tempio della ricerca tecnologica nel mondo. Grazie al MIT, che offre due milioni di dollari per l’inizio della ricerca, Lai ha lanciato un progetto di crowdfunding per accumulare un capitale in grado di finanziare la creazione di un dispositivo medico indossabile, Embrace – una specie di smartwatch che individua i segnali di una crisi nei pazienti epilettici. La campagna ha ottenuto circa 100.000 dollari in meno di 24 ore, raggiungendo quasi 800.000$ complessivi.

Il dispositivo è stato immesso sul mercato poco dopo la chiusura della campagna ed ha aiutato i pazienti che soffrono di epilessia a stare meglio da quel momento. Ma, alla fine del gennaio 2018, Empatica ha raggiunto un importantissimo riconoscimento, che consacra l’apparecchiatura e ne riconosce ufficialmente valore ed utilità: la FDA (Food and Drug Administration, l’ ente governativo USA che si occupa della regolamentazione e dell’immissione sul mercato di alimenti e farmaci) ha finalmente chiarito la “natura” di Embrace, attestandolo ufficialmente come dispositivo medico e approvandolo a norma di legge.

Embrace si indossa al polso per tutta la giornata: esso è connesso ad un’app per smartphone (disponibile per iOS e Android), che invia segnali non appena una crisi convulsiva colpisce la persona che lo indossa. Questo segnale permette di intervenire il prima possibile e, in tanti casi, salvare la vita alla persona in pericolo.

Un’altra app collegata al dispositivo in questione permette di registrare l’attività della crisi epilettica, nonché monitorare le condizioni di salute del paziente che lo indossa (specialmente quando dorme): questi preziosi dati possono essere di grande aiuto ai medici, che possono consultarli e aiutarsi nella diagnosi e nella costruzione di eventuali diagnosi e terapie.

La tecnologia che sta dietro ad Embrace è stata sviluppata presso il MIT – Massachusetts Institute of Technology nel 2014 ed è andata avanti, tra sviluppo, cambiamenti di rotta e test in vari ospedali dello stato. Il documento che Empatica ha consegnato alla FDA constava di 1500 pagine ed è stato consegnato a metà 2016: c’è voluto, a conti fatti, un anno e mezzo per esaminare ed approvare questo dispositivo medico. Ma ora che Embrace è sul mercato con l’approvazione dell’ FDA, siamo sicuri che troverà ancora più successo di quello che ha già conosciuto finora.

Cosa ne pensate di questo dispositivo? Fateci sapere la vostra opinione contattando Dispotech, your disposable excellence.

Emanuele Mortarotti
Autore Emanuele Mortarotti

Manager

scrivi un commento